Quarantena e voglia di cambiare casa. Come fare se non puoi

La quarantena non è uguale per tutti. Siamo tutti costretti a stare a casa, ma le case italiane non sono tutte uguali, e non tutti giudichiamo la nostra casa adeguata alle nostre esigenze. Molti di noi si sono ritrovati dallo stare tutto il giorno fuori, rientrando nella propria abitazione solo per dormire, al viverla 24 ore su 24. Molti di noi, potremmo dire, hanno scoperto la fisionomia e il carattere della propria casa nelle ultime settimane, anche se ci abitavano da anni e anni. Questa scoperta non è stata per tutti piacevole. Un po’ come una storia d’amore: quando inizia la convivenza il gioco si fa duro. Ebbene, convivere con la propria abitazione, per alcuni, è più dura che per altri. E molti, adesso, avrebbero voglia di cambiare casa.

Dalle ricerche online di immobili nelle ultime settimane possiamo affermare che la quarantena ha innestato negli italiani nuove esigenze abitative, o almeno nuovi desideri: sono in aumento le richieste di case di metratura più ampia, con almeno una stanza in più rispetto allo spazio di cui si dispone attualmente. Diminuiscono le richieste di monolocali.

Dopo la quarantena cambieremo tutti casa? Certo che no. Qualcuno lo farà, ma le stime prevedono, in generale, una frenata delle compravendite immobiliari, per le ragioni soprattutto economiche che ben possiamo immaginare, almeno per alcuni mesi.

Cosa può fare, allora, chi non può cambiare casa ma ha nuove esigenze o desideri?

La qualità dell’ambiente in cui si vive e si lavora influisce, com’è facile immaginare, sul benessere psico-fisico della persona. La qualità di un ambiente è definita da elementi quali l’illuminazione naturale, l’areazione e la vivibilità degli spazi. Hai mai riflettuto sul fatto che ci sono luoghi che ti fanno sentire in pace, al sicuro, di buonumore, e luoghi che percepisci come ostili? Può succedere di percepire come ostile anche la propria casa. Sono diversi gli elementi – che magari hai sotto gli occhi tutti i giorni e ai quali non fai nemmeno caso – che posso influenzare questa tua istintiva sensazione: dai colori alle forme che vedi intorno a te, ai materiali, agli odori, alla temperatura percepita, all’ordine o disordine, alle possibilità che hai di movimento. Se non puoi scegliere un’altra casa, prenditi cura della tua come se ti prendessi cura di te. In fondo, è esattamente la stessa cosa. E vale sia per una casa di trenta metri quadrati che di trecento. Osserva bene. Capisci cosa non va e migliorala più che puoi. Cura il rapporto con la tua casa come se fosse una storia d’amore. Con il vantaggio che le persone non possiamo trasformarle, ma le case sì!

Se poi hai una casa di proprietà e capisci di volerla lasciare, e vuoi trovarne una nuova risparmiando, o addirittura guadagnando, leggi qui. Scoprirai perché vendere una casa di proprietà è sempre una buona idea, se sai investire la liquidità che ottieni per generare ulteriori guadagni.

Condividi