Asta immobiliare: ecco cosa tutti dovrebbero sapere per non perdere tempo e soldi

Secondo un’analisi di Reviva, nel 2019 in Italia il patrimonio immobiliare all’asta ha visto una svalutazione complessiva del 29,1%. Per un totale di 160.594 immobili, si sono tenute 254.649 aste (55,6% immobili residenziali; 34% non residenziali; 10,4% terreni): molte di queste sono andate deserte, ed ecco che i prezzi degli immobili hanno subito un’ulteriore svalutazione.

Le sofferenze bancarie aumentano di anno in anno, e così aumenta il numero delle aste immobiliari. Sia in zone periferiche che centrali, il pignoramento aggredisce sia immobili fatiscenti che di pregio, senza distinzione alcuna. Per l’investitore – ma anche per chi cerca casa a poco prezzo per andarci a vivere – le occasioni non mancano.

Quando un immobile è venduto all’asta, il suo prezzo differisce rispetto al valore al mercato libero, ed è ribassato del 25% ogni volta che un esperimento d’asta va deserto, cioè si conclude un’asta senza che l’immobile sia assegnato a un nuovo proprietario.

Acquistare un immobile all’asta, in questo panorama, può essere un’ottima occasione d’investimento, ma la situazione va valutata di caso in caso. Vi sono città, infatti, come Roma o Milano, dove spesso le aste sono addirittura sovraffollate, e i prezzi, rilancio dopo rilancio, raggiungono o addirittura superano il valore di mercato degli immobili, rendendo questa tipologia d’investimento improvvisamente inappetibile.

Gli investimenti immobiliari non si fanno con il cuore, ma con i bilanci: ogni operazione va valutata attentamente e nello specifico, tenendo conto della zona, del mercato di riferimento, della situazione urbanistica e legale dell’immobile, delle spese, preventivando eventuali costi aggiuntivi, e della tassazione.

Ancor più delle aste, oggi per l’investitore è appetibile la tipologia d’investimento del saldo e stralcio, con la quale, prima ancora che la casa finisca all’asta, l’investitore acquista l’immobile (finanche al 50% di sconto), tratta con i creditori per saldare il debito dell’esecutato e libera quest’ultimo da tutti i suoi debiti (cosa che non è detto che accada con l’asta). Questa strategia ha dunque anche un risvolto etico. Io la pratico da oltre dieci anni, e mi ha regalato enormi soddisfazioni personali, oltre che economiche.

Anche in questo caso, l’analisi dell’operazione va condotta in modo cronometrico. In questo settore, sbagliare un passo significa perdere tempo e/o soldi, e noi non vogliamo perdere né tempo né soldi, vero?

Se vuoi capire come comprare un immobile finanche al 50% di sconto strutturando l’operazione in maniera  puntuale, per agire con tranquillità e arginare eventuali rischi, ti aspetto qui.

Condividi